Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_londra

Buone prassi

 

Buone prassi

Progetto "Primo Approdo" - incontri di orientamento per giovani connazionali di recente emigrazione in Inghilterra/Galles

Sono sempre più numerosi i giovani italiani che si trasferiscono in Inghilterra e nel Galles, specialmente a Londra, con l’intento di effettuare un’esperienza professionale linguistico-lavorativa oppure alla ricerca di nuove opportunità di impiego.

L’esperienza del Consolato a Londra conferma che spesso questi giovani connazionali arrivano nel Paese senza una conoscenza della realtà locale, e talvolta in assenza di una solida preparazione linguistica. Allo stesso tempo, può succedere che i nostri giovani non riescano a districarsi nell’enorme mole di informazioni su internet, non sempre affidabili, e si trovino a subire truffe e raggiri. Non è infrequente, inoltre, che giovani connazionali finiscano per essere un facile bersaglio per imprenditori locali senza scrupoli, che non esitano a sfruttarne la disponibilità e la professionalità. Vi è poi un buon numero di giovani qualificati che desiderano far fruttare al meglio la propria formazione accademica e che pur tuttavia si trovano impreparati dinanzi al mondo della ricerca o del lavoro britannici.

Con l’intento di aiutare i nostri giovani connazionali a operare con maggiore coscienza ed efficacia nella realtà inglese, anche con l’auspicio che in futuro possano fare rientro in Italia e far fruttare al meglio il patrimonio umano e professionale acquisito, il Consolato Generale, su ispirazione dell’Ambasciatore d’Italia a Londra, Pasquale Terracciano, ha concepito un progetto informativo e denominato “Primo Approdo”, dedicato simbolicamente alla memoria di Joele Leotta, il giovane connazionale vittima di omicidio nel Kent il 20 ottobre 2013.

“Primo Approdo” intende fornire indicazioni generiche di orientamento ai giovani connazionali di recente immigrazione in Inghilterra e nel Galles attraverso seminari tematici ospitati presso il Consolato Generale d’Italia a Londra.

Gli incontri, della durata di circa 90 minuti, si tengono due volte al mese e vertono su temi specifici: legale, fiscale, medico, accademico, professionale-lavorativo. Nel corso degli incontri gli esperti italiani di settore (che a titolo gratuito prestano la propria disponibilità ad intervenire in qualità di relatori) forniscono indicazioni di orientamento ed illustrano l'esperienza maturata nel proprio ambito professionale nel Paese.

Funzionari del Consolato sono inoltre a disposizione per eventuali informazioni sui servizi consolari (per es.: iscrizione all'AIRE, voto all'estero, etc.). Al termine dell'incontro i giovani possono indirizzare domande di carattere generale ai relatori e stabilire utili contatti per la loro permanenza in Inghilterra.

Per partecipare agli incontri di orientamento è sufficiente registrarsi sull'apposito formulario online dal sito del Consolato Generale. La registrazione audio di ciascun incontro (il primo seminario risale all’8 gennaio 2014) è disponibile sul canale YouTube del Consolato Generale.

Quesiti relativi al progetto "Primo approdo" possono essere rivolti al Consolato tanto sulla pagina Facebook (www.facebook.com/consolatogeneralelondra) che scrivendo all’apposita casella email del Consolato Generale (londra.primoapprodo@esteri.it)

Al fine di aiutare i giovani connazionali ad orientarsi nel sistema britannico, è altresì disponibile online (sul sito del Consolato Generale) un "Manuale pratico di orientamento alla vita in Inghilterra e in Galles", redatto dal Consolato Generale con la collaborazione di esperti di settore. Il manuale copre diversi ambiti quali l'istruzione, la casa, le tasse, la salute, il lavoro.

Nel corso della sua visita a Londra, il Presidente del Consiglio Renzi ha incontrato una rappresentanza di “Primo Approdo”, esprimendo grande interesse ed apprezzamento per l'iniziativa, la prima dell’intera Rete diplomatico-consolare italiana, e vincitrice nel 2016 del “Premio Buone Prassi – Farnesina che Innova” del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale.


356